Unterwegs

In cammino

I libri che abbiamo preferito nel 2014 (non è una classifica)

Posted by Anna Maria Curci su gennaio 1, 2015

Anna Maria Curci

Leonhard Frank, L’uomo è buono. Traduzione e cura di Paola Del Zoppo, Del Vecchio Editore, 2014

Libro potentissimo, chiaro e profondo, che attraversa il dolore, non lo ignora, lo raccoglie e chiama, con la voce di chi ha conosciuto lo strazio e la perdita, di chi ha smascherato la menzogna delle parole di propaganda, a una rivoluzione che ripudia le armi e invita a pensare, sempre: «Solo chi pensa può portare le pace».

*

Antonella Cilento, Lisario o il piacere infinito delle donne, Mondadori 2014

Rigorosa ricostruzione storica della Napoli seicentesca (e non solo), arguzia nella pluralità di forme narrative, stili, lingue e linguaggi, acutissima analisi della psicologia dei personaggi principali, critica spietata e controcanto mordace e divertito con i “Santi Teatini”: metodo e creatività sono qui affiancati per il piacere e il profitto (infiniti) della lettura.

*

Goliarda Sapienza, Ancestrale, La Vita Felice 2013

Tornare a leggere, con un percorso a ritroso dopo L’arte della gioia, la scrittura di Goliarda Sapienza, è incontro con la poesia, vera nella storia, arma di difesa e sensibilissima intercettatrice, accecante e rivelatrice quando sceglie di essere lapidaria, con richiami nitidi a tutti i sensi, sempre, sia quando percorre con coraggio e strazio le macerie, sia quando disegna il futuro partendo dal passato fissato in una foto antica, sia, infine quando si distende, sconfinando per passione, verso la narrativa.

*

Patrizia Rinaldi, Rosso caldo, edizioni e/o, 2014

Con Blanca e la sua percezione ‘altra’, superiore e dolorosa, tornano il commissario Martusciello e la sua saggezza mal conciata dalla vita, l’ispettore Liguori, che pratica l’arte dell’investigazione come i nobili avi coltivavano l’otium, ma che qui vacilla tra crisi latente e palese, l’agente scelto Carità con le sue teorie irresistibili, tornano splendori e miserie di Napoli e Pozzuoli, veri personaggi di primo piano. Misteri e delitti corrono affiancati e paralleli, le mura di palazzi storici gemono, uditi solo da chi è in grado di sentirli, con un talento nato, forse, proprio dall’esclusione. L’amore, «lasciato lì con le zampe che si muovono ancora», reclama la sua parte sin dai versi di Raboni in epigrafe.

*

Giovanni Ricciardi, Il dono delle lacrime, Fazi 2014

Stavolta non è solo Roma, salda e attiva presenza, a essere personaggio di pari rilievo accanto al commissario Ponzetti e all’ispettore Iannotta: i giorni del febbraio 2013 immediatamente successivi alle dimissioni di Benedetto XVI, dunque un momento storico unico, diventano attore con il loro manto di sospensione e attesa steso sulla vicenda, l’indagine silenziosa, quasi in punta di piedi, sulla morte di un sacerdote. La scrittura di Ricciardi si asciuga e diventa oltremodo efficace nel rendere l’umanità tra pietas e sopraffazione. La voce dell’amore paterno si alza qui insieme alla voce della poesia: tre dei quattro capitoli si aprono con versi di Pedro Salinas da La voz a ti debida.

Poetarum Silva

Quella che segue non è una classifica, è soltanto la scelta di alcuni dei redattori che, fra critica e sentimento, hanno indicato nella maniera più sintetica possibile i 5 libri dai quali sono stati conquistati nel 2014. Quella che segue conterrà libri letti nel 2014 ma non necessariamente usciti nell’anno solare. Di alcuni di questi abbiamo parlato sul blog, di altri lo faremo. Quella che segue è una non – classifica molto varia, che non tiene conto delle vendite ma di un po’ di bellezza. Tutto questo per augurarvi Buon anno e per ringraziarvi di averci letto. Vi aspettiamo tutti i giorni anche nel 2015 (gm)

parigi - foto gm parigi – foto gm

***

Giovanna Amato

Quer pasticciaccio brutto de via Merulana, C. E. Gadda, ed. Garzanti 2000 – Fosse anche solo la pagina sugli alluci. La pagina sugli alluci, diamine. Fa miracolo a sé.

Ovunque, proteggici, E. Ruotolo

View original post 1.950 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: