Unterwegs

In cammino

20 Elfsilber

Posted by Anna Maria Curci su ottobre 11, 2014

Luigi Simonetta, Poetessa che piega un foglio

Luigi Simonetta,
Poetessa che piega un foglio

20 Elfsilber

I

Come un accento a voce claudicante
balza e s’arresta il limite del giorno.
Taglieggia tra le sdrucciole e le piane
e tronca si riveste soluzione.

II

Raccogli panni e polvere a tentoni
(volteggia cencio bianco in dissolvenza).
Increspate le reti a ranghi storti,
pesca a strascico appare soluzione.

III

Non mette conto di narrare cruccio
se questo è tenue al cospetto di strazio
carta vetrata che sfalda ogni giorno
anche il sorriso imbe(ci)lle e tenace.

IV

Hai diviso, sezionato, riposto,
glossato e modulato con l’artrosi.
Suii piedi e le misure le escrescenze
si spingono, arrendevole reclamo.

V

Al portatore d’acqua non si chiede
di narrare di sé e della sua fonte.
Sorda sete che s’avventa sul secchio
scansa polvere suole e passi stanchi.

VI

«Lassez!» soleva dire, inascoltato.
La si faccia finita col teatro
le baruffe bassotte flatulente
il bolo sbalestrato ma conforme.

VII

Alacre in automatico, pedala
il postino obiettore (ma è coscienza?)
all’ennesimo sorgere del sole.
Ardore d’ordinanza occulta resa.

VIII

Nell’interludio tra le glaciazioni
s’inorgoglisce l’uomo, si fa centro.
Pesce rosso nella boccia di vetro
è invece e a malapena se ne avvede.

IX

Voi che apprezzate solo di sfuggita
(non vi si chieda altro, veh, non licet)
siete fermi al morbillo della spunta,
quella sociale esiliata all’occhiata.

X

Quando, strazio negli occhi e mente scossa,
apre Augustus Snodgrass quel taccuino,
avanza di buon grado anche il sorriso.
Non lo sperava, ma si allarga breccia.

XI

Quei rondinotti rannicchiati all’Elba
sono cresciuti, si son fatti corvi.
Non gracchiano, starnazzano eleganti,
librano versi telecomandati.

XII

A scrivere si va, furiosamente,
col contagocce o piena senza presa.
Senza pudore scimmmiotta il lenzuolo
l’ardire di coperta rimboccata.

XIII

Voi che l’ardire lo intestate a terzi
che visibili ansiosi poi abdicate
non vi basta tastare le mie piaghe
fare la doccia con le mie macerie.

XIV

Discreto, torni a chiedermi dell’ora,
quando ti ridarò… che ti ho prestato?
Non ha più suono la luce che filtra,
vano o spicchio, anticamera di pace.

XV

Canticchiare con le gambe conserte,
mettere i saldi per non stare soli
indaffararsi con stridio di specchi.
La pietra sa che ci prendiamo in giro.

XVI

Quando noi scendevamo alla marrana
(adesso non c’è più, bonificata)
scansavamo con cura i ciclamini
e coglievamo con ardore serpi.

XVII

Rimescolava i tarocchi sgranati
(i servi intanto azionavano leve).
Disse: «Io credo alla bontà dell’uomo»,
poi diede un morso e ritornò in trincea.

XVIII

Se le frontiere diventano ponti,
scorre limpida l’acqua a dissetare,
la fionda e cerbottana sono un gioco,
David smette di imitare Golia.

XIX

Entusiasti, mi strappate un sorriso.
I polpastrelli nella tinta rosa,
le fronti fieramente corrugate,
la bottega di sogni a cielo aperto.

XX

Puoi scambiare stupore con sgomento
se è l’orizzonte a venirti incontro.
Quando riprende il volo la speranza,
cocciutamente sai che non è fuga.

Anna Maria Curci
(11 gennaio – 2 ottobre 2014, con un balzo indietro al 29 aprile 2013 e una dedica a Vincenzo Errico)

Annunci

3 Risposte to “20 Elfsilber”

  1. eccezionali!
    ma qualcosa mi resta di dolente, non tanto nella mente, quanto nel cuore…

  2. molto belle! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: